5 domande per verificare le tue condizioni generali di vendita B2C

Giuliano Stasio
Avvocato - Legalmondo

Avvocato italiano specializzato nella consulenza alle imprese italiane e straniere, con particolare riferimento alla distribuzione commerciale, e-commerce e modelli omnichannel.

La verifica delle condizioni generali di vendita

Spesso le condizioni generali di vendita sono dei veri e propri Mostri di Frankenstein, creati da un testo precedente (di solito a sua volta copia-incollato da altri siti web), adattato – magari a distanza di anni e a più riprese – in base alle esigenze contingenti.

Simili testi non solo rischiano di lasciare il venditore senza tutela, ma anche – nei casi più gravi – di trasformarsi in veri e propri boomerang, che lo espongono al rischio di sanzioni.

Come verificare, allora, l’efficacia delle condizioni generali di vendita di un e-commerce B2C o dei marketplace (come Amazon, Zalando, etc)?

Qui di seguito 5 domande per svolgere una verifica di primo livello, utile a far scattare eventuali campanelli d’allarme. Naturalmente, data la complessità della materia, per una risposta definitiva, è bene rivolgersi a un legale esperto in materia.

1. Il cliente ha approvato le tue condizioni generali di vendita?

Le condizioni generali di vendita contengono quell’insieme di norme che disciplinano tutte le vendite concluse da un venditore, indipendentemente dalla generalità dell’acquirente. È bene ricordare, però, che trovano applicazione solo se il venditore riesce a dimostrare che erano state approvate o comunque erano conoscibili dal consumatore, senza un particolare sforzo o specifiche competenze.

Suggerimento: verifica se l’acquirente – al momento di finalizzare l’acquisto – dà il proprio consenso esplicito alle condizioni generali di vendita; altrimenti c’è il rischio concreto che non siano efficaci.

2. Hai dato tutte le informazioni necessarie al cliente?

Il Codice del Consumo stabilisce che – in caso di vendite online – il venditore sia tenuto a fornire al consumatore diverse informazioni, esposte in maniera chiara e comprensibile, tra cui: le caratteristiche principali dei beni, l’identità del venditore e i recapiti a cui inviare eventuali reclami, le modalità e i termini per l’esercizio dell’eventuale diritto di recesso, gli eventuali costi per la restituzione dei beni, un promemoria dell’esistenza della garanzia legale di conformità per i beni, oltre ad altre che dipendono dalla natura dei beni in vendita.

Il mancato rispetto di tali obblighi può essere qualificato anche come pratica commerciale scorretta, con sanzioni che vanno da 5.000,00 a 500.000,00 €, in base alla gravità e durata della violazione.

Suggerimento: verifica se le condizioni generali forniscono al consumatore tutte le informazioni previste dalla legge, facendo particolare attenzione a quelle specifiche per la categoria merceologica del tuo modello di business.

3. Hai previsto il diritto di recesso?

Salvo alcune tipologie contrattuali (es: vendita di beni su misura, deteriorabili, che non possono essere restituiti per motivi igienici, ecc.), il Codice del Consumo garantisce al consumatore il diritto a recedere entro 14 giorni dall’acquisto senza dover fornire alcuna motivazione e senza dover sostenere alcun costo, salvo quelli necessari per la restituzione del bene, se questo è stato previsto dal venditore.

Il venditore, inoltre, è obbligato a comunicare esplicitamente le modalità e i termini per l’esercizio del diritto di recesso; in caso di mancata informazione, il consumatore avrà diritto ad un’estensione del termine per recedere dal contratto di 12 mesi.

Suggerimento: verifica se tra le informazioni fornite al consumatore sono esposti in modo chiaro i termini e le modalità per l’esercizio del diritto di recesso.                                                        

4. Alcune clausole sono vessatorie?

Sono vessatorie le clausole che determinano un significativo squilibrio a carico del consumatore. Il Codice del Consumo contiene due elenchi di clausole vessatorie:

  • la cd. lista grigia (es: clausole penali; diritto di recesso a favore del solo professionista o senza preavviso; clausole che consentono di aumentare il prezzo senza che il consumatore possa recedere, etc.), contenente le clausole che sono invalide, salvo prova contraria da parte del professionista; e
  • la cd. lista nera, contenete clausole che sono sempre e comunque invalide (es: limitazione della responsabilità del professionista in caso di danno alla persona del consumatore; limitazione delle azioni nei confronti del professionista in caso di inadempimento del contratto, etc.).

Inoltre il codice civile prevede l’inefficacia di alcune clausole (definite anch’esse vessatorie, ma la cui elencazione non coincide con quella del codice del consumo) se non specificamente approvate per iscritto.

Suggerimento: se le condizioni generali includono delle clausole vessatorie, verifica – meglio con l’ausilio di un legale esperto in materia – se la modalità di accettazione del consumatore le rendano applicabili ai contratti conclusi oppure no. In quest’ultimo caso, si possono valutare delle misure alternative di accettazione (es: chiedere al consumatore di inviare la scansione del contratto firmato a penna: – qui un approfondimento sul tema) o delle modifiche mirate alle clausole.

5. Hai scelto correttamente la legge applicabile al contratto?

È opportuno che nelle condizioni generali venga scelta la legge applicabile ai contratti di vendita conclusi attraverso l’e-commerce.

Attenzione, però. Questa scelta non priverà comunque il consumatore europeo delle tutele minime garantite dalla legge dello stato UE dove risiede, ma vi è di più: in un famoso precedente, la Corte di Giustizia UE ha ritenuto abusive le condizioni generali di Amazon perché non informavano il consumatore di questo diritto. (qui un approfondimento sul tema)

Suggerimento: verifica che la clausola di scelta del foro presente nelle condizioni generali sia appropriata e redatta in modo corretto e ricorda che il consumatore europeo straniero ha comunque diritto alle tutele minime garantite dalla legge del luogo dove risiede.

Conclusioni

Se la risposta a queste 5 domande ha fatto scattare uno o più campanelli d’allarme, contatta un legale esperto del settore, che saprà revisionare le condizioni generali, suggerendo le modifiche opportune per tutelare al meglio il tuo business.

Ricevi gli aggiornamenti nella tua casella di posta

Trend, analisi e report gratuiti sul mondo dei marketplace e delle vendite online